Pavana reale – Piero Bigongiari

 

Creda la notte ai muriccioli lungo
una strada che troppo discende,
(di fiamme si mormora il ricordo
dentro gli occhi bendati. Densa Boboli
d’aprili andati a morte come vipere
verdi sui colonnati).
                                     

                                       Si ghirlandano
fiocchi diurni attorno a caprioli
feriti, è latte la memoria e spare
come questa pavana. Non pensare,
sei decorata tutta del tuo scendere, e
l’alveare notturno è senza sillabe.

Piero Bigongiari

da “La figlia di Babilonia”, Parenti, Firenze, 1942

«Tra gli azzurri astri e il papavero» – Stefan George

P. B. Canepa, O mae bricco, olio su tela

 

Tra gli azzurri astri e il papavero
Sfugge bisbigliante il lucente grano!
Percorso già tutto questo bosco
E da capo ciascun sentiero ·

Non curate i segni sulle betulle ·
Sparita sia la mano che li intagliò ·
Sentite altri nomi far miracoli ·
Andate verso freschi nuovi tronchi ·

Scordate i dolori e l’antico sangue
Gli strappi al cadente cespo di spini
Tempi aridi con animo leggero
Calpestateli e lasciateli indietro!

Stefan George

(Traduzione di Chiara Adezati con la collaborazione di Andreas de Jong)

da Vittora dell’estate, in L’anno dell’anima, 1897

da “Stefan George, Sämtliche Werke in 18 Bänden”, Hrsg. Stefan George Stiftung, Klett-Cotta, Stuttgart, 2013

∗∗∗

«Den blauen raden und dem blutigen mohne»

Den blauen raden und dem blutigen mohne
Entgeht dem lispelnden und lichten korn!
Durchwandert diese waldung sinnens ohne
Und jeden vielverschlungnen pfad von vorn ·

Verharrt nicht vor den zeichen in den birken ·
Geschwunden sei die hand die einst sie schnitt ·
Nun fühlt wie andre namen wunder wirken ·
Zu jungen frischen stämmen lenkt den schritt ·

Vergesst der schmerzen und des alten blutes
Gerissen am verfallnen dorngesträuch
Und blätter dürrer zeiten leichten mutes
Betretet sie und lasst sie hinter euch!

Stefan George

da Sieg des Sommers, in Das Jahr der Seele, 1897

da “Stefan George, Sämtliche Werke in 18 Bänden”, Hrsg. Stefan George Stiftung, Klett-Cotta, Stuttgart, 2013

Abbandono – Valentino Zeichen

Foto di Philip McKay

 

I suoi addii echeggiano
nella lontana memoria
simili a colpi d’automatica.
Da molti anni agonizzo
senza smettere di morire,
al pari degli immortali,
ma questa è una menzogna
essendo un morto vivente
come nelle più scadenti
pellicole di genere horror.
Anche la qualità del mio dolore
si è fatta scadente.

Valentino Zeichen

da “D’amore e d’altro”, in  “Metafisica tascabile”, “Lo Specchio” Mondadori, 1997

Fiori di papavero – Lucian Blaga

 

Fra l’amara cicuta
canto la mia letizia — e un remoto sgomento
della morte mi prende,
mentre vi guardo, fiori di papavero,
in riva al mar di segale.

Poter sfiorare
i petali, e non oso,
sembrano nati
dalla rossa bambagia
d’un affocato tramonto d’estate.

Abbracciare vorrei
il vostro slancio vergine,
ma siete un ornamento tanto esile
che temo
anche a stringervi al petto del pensiero.

E schiacciarvi vorrei
ché siete rossi, rossi
come in terra poterono esser solo
le ardenti gocce dì sangue cadute
sulle pietre
e la sabbia, al frantoio delle olive,
giù dalla fronte di Gesù,
quando ebbe terrore
della morte.

Lucian Blaga

(Traduzione di Sauro Albisani)

da “I poemi della luce”, Garzanti Editore, 1989

∗∗∗

Flori de mac

În frunză de cucută-amară
îmi fluier bucuriile — şi-o nenţeleasă teamă
de moarte mă pătrunde,
cum vă privesc pe malul mării de secară
flori de mac.

Aş vrea să vă cuprind,
că nu ştiu cum, petalele ce le purtaţi,
îmi par urzite
din spuma roşie
a unui cald şi-nflăcărat amurg de vară.

Aş vrea să vă culeg în braţe
feciorelnicul avînt,
dar vi-e atît de fragedă podoaba,
că nu-ndrăznesc
o, nici la pieptul gîndurilor mele să vă strîng.

Şi-aş vrea să vă strivesc
că sunteţi roşii, roşii
cum n-au putut să fie pe pămînt
decît aprinşii, marii stropi de sînge, ce-au căzut
pe stînci
şi pe nisip în Ghetsemani de pe fruntea lui Isus,
cînd s-a-ngrozit de
moarte.

Lucian Blaga

da “Păşii profetului”, Editura institutului de arte grafice „Ardealul“, Cluj, 1920

Didascalia – Giorgio Caproni

 

Fu in una casa rossa:
la Casa Cantoniera.
Mi ci trovai una sera
di tenebra, e pareva scossa
la mente da un transitare
continuo, come il mare.
Sentivo foglie secche,
nel buio, scricchiolare.
Attraversando le stecche
delle persiane, del mare
avevano la luminescenza
scheletri di luci, rare.
Erano lampi erranti
d’ammotorati viandanti.
Frusciavano in me l’idea
che fosse il passaggio d’Enea.

Giorgio Caproni

1954.

da “Il passaggio d’Enea”, in “Il «Terzo libro» e altre cose”, Einaudi, Torino, 1968