È vero, come ha detto qualcuno… – Mark Strand

Mark Strand, photo di Chris Felver

XVI

È vero, come ha detto qualcuno, che
in un mondo senza paradiso tutto è addio.
Sia che tu saluti con la mano o no,

è addio, e se non ti salgono lacrime agli occhi
è addio lo stesso, e se fingi di non accorgerti,
odiando ciò che passa, è addio lo stesso.

Addio e basta. E le palme nel piegarsi
sulla laguna verde e splendente, e i pellicani
in picchiata, e i corpi lustri dei bagnanti che riposano,

sono stadi di un’immobilità estrema, e il movimento
della sabbia, e del vento, e le movenze segrete del corpo
sono parte dello stesso insieme, una semplicità che trasforma l’essere

in occasione di lutto, o in un’occasione
per cui valga far festa, perché che altro si fa,
nel sentire il peso delle ali dei pellicani,

la densità delle ombre delle palme, le cellule che scuriscono
le schiene dei bagnanti? Sono al di là delle distorsioni
del caso, oltre le evasioni della musica. La fine

è messa in atto senza tregua. E la sentiamo
nelle lusinghe del sonno, nella luna che matura,
nel vino mentre attende nel bicchiere.

Mark Strand

È per Brooke Hopkins. Il qualcuno cui si allude è Wallace Stevens.

(Traduzione di Damiano Abeni)

da “L’inizio di una sedia”, Donzelli Poesia, 1999

∗∗∗

XVI

It is true, as someone has said, that in
A world without heaven all is farewell.
Whether you wave your hand or not,

It is farewell, and if no tears come to your eyes
It is still farewell, and if you pretend not to notice,
Hating what passes, it is still farewell.

Farewell no matter what. And the palms as they lean
Over the green, bright lagoon, and the pelicans
Diving, and the glistening bodies of bathers resting,

Are stages in an ultimate stillness, and the movement
Of sand, and of wind, and the secret moves of the body
Are part of the same, a simplicity that turns being

Into an occasion for mourning, or into an occasion
Worth celebrating, for what else does one do,
Feeling the weight of the pelicans’ wings,

The density of the palms’ shadows, the cells that darken
The backs of bathers? These are beyond the distortions
Of chance, beyond the evasions of music. The end

Is enacted again and again. And we feel it
In the temptations of sleep, in the moon’s ripening,
In the wine as it waits in the glass.

Mark Strand

Is for Brooke Hopkins. The someone alluded to is Wallace Stevens.

da “Dark Harbor, A poem”, New York: Alfred A. Knopf, 1993

Fa’ vedere a tuo figlio… – Lawrence Ferlinghetti

Lawrence Ferlinghetti, foto di Chris Felver

 

Fa’ vedere a tuo figlio un tramonto
                                        prima che spariscano tutti
            consigliò un vecchio Sinistroide
                                   mostrando la solita paranoia
                                                                     della Sinistra
            che ora ha contagiato
                                       gli ecologisti
                              e altri della stessa risma
         sempre a straparlare del buco nell’ozono
                del cancro delle sigarette
                   e della popolazione mondiale
                                                    che raddoppierà di nuovo
entro il duemila e venti
        e di come la terra
                              sia avviata a una brutta fine improvvisa

Mentre sappiamo tutti che i media e
            le combriccole del petrolio e
                              le compagnie del tabacco e
                                         gli scienziati delle industrie e
            gli agnostici dell’industria in generale
                         ci stanno tutti dicendo delle gran balle
                                                    e nient’altro che balle
Quindi perché preoccuparsi
                             «Non c’è problema»
                                                    come dicono giù in centro

Anche se quelle nuvole fuori dalla finestra
                                                  hanno l’aria un po’ strana
E le siccità in tutto il mondo
       non sono poi così gravi
                perché qui da noi non può succedere
                                come dicevano negli anni Trenta
E tutte quelle scie degli aerei di linea
                                       in realtà non sputano più
                                                  scarichi cancerogeni
                                                            di un miliardo di auto

E non si tratta per davvero
                                  di pareli sotto un sole troppo brillante
E i tramonti sono ancora tramonti
                              anche se sono soltanto
                                                         tramonti monocolori
  sopra i quali secondo i piloti
                              le nuvole sono più basse
                                                      di prima degli anni Serra
E i tramonti adesso assomigliano più a «scompensi cardiaci»
           con l’inquinamento che come il colesterolo cattivo
              intasa le arterie dell’universo
                  e blocca la circolazione
                        e causa disastri sistemici

E la nostra sera distesa nel cielo
                         come un paziente privo di sensi su un tavolo

Lawrence Ferlinghetti

(Traduzione di Damiano Abeni)

da “Scoppi urla risate”, SUR, 2019

∗∗∗

Show your son…

So show your son a sunset
                               before they’re all gone
            advised an old Lefty
                           exhibiting the usual paranoia
                                                                        of the Left
            that has now spilled over
                                         on ecologists
                                       and others of their ilk
    always ranting about the ozone hole
            and cancer and smoking
                 and the population of the world
                                                           doubling again
                                          by the year two thousand twenty
    and about how the earth
                                        is coming to a sudden bad end

Whereas we all know the media and
                          the oil combines and
                                the tobacco companies and
                                                   the industry scientists and
                 the industrial perplex in general
                            are all telling us the whole bull
                                         and nothing but the bull
So no need to worry
                                “No problem”
                                                     as they say downtown
Even if those clouds out the window
                                                        look a bit strange
And the droughts all over the world
              aren’t really all that bad
                      because it can’t happen here
                                      as they used to say in the Thirties
And all those jet streams from airlines
                                        really don’t spew more
                                                cancerous exhaust
                                                                   than a billion cars

And those aren’t really
                                    Sun Dogs in the too-brilliant sun
And sunsets are still sunsets
                            even if they are only
                                                            one-color sunsets
         over which pilots are reporting
                             clouds are lower than they used to be
                                                before the Greenhouse years
Whereas sunsets now are more like “heart events”
     with pollution like bad cholesterol
              jamming the arteries of the universe
                  and obstructing circulation
                       and causing systemic disasters

And our evening spread across the sky
                                   like a patient passed out upon a table

Lawrence Ferlinghetti

da “Blasts Cries Laughter”, New Directions Publishing, 2014

Poeta cieco – Lawrence Ferlinghetti

Da eseguire bendati e con un bastone

Io sono un poeta cieco
Io sono il vostro poeta e pittore cieco
pieno di espressioni e immagini fantastiche
Sto dipingendo il paesaggio della mia anima sottomessa
e dell’anima del genere umano
per come la vedo io
Le sto dando voce
Sto cantando canzoni popolari
sulle oppresse masse
e sui ricchi dalle chiappe grasse
Io sono il pittore che sente
con le dita
Io sono il poeta visionario cieco
Io vedo quello che voi non vedete
Io mangio bene e bevo bene
e sogno i grandi poemi epici
Io sono il vostro artista multimediale
postmoderno oltremoderno
Io sono il più avan- dell’avanguardia
Io sono site-specific e assolutamente concettuale
Perfino i massimi critici sono rimasti sconcertati
dalla mia profondità
Una volta ho incontrato Andy Warhol
E sono andato a letto con voi sapete chi
E sono un uomo che parla veloce
il vostro poeta dalla lingua decostruita
il vostro poeta stratosferico
pieno di estasi e visioni
il vostro nomade poeta da gruppo di scrittura creativa
il vostro irsuto poeta da università
professore ordinario
il vostro più silenzioso poeta buddista
Io mi faccio tournée di letture di poesia
spesato da cima a fondo
Io sento tutto
ed è pane per i miei denti
Lo uso fino in fondo
per fare grande poesia sonora
o grande poesia concreta
impenetrabile per chiunque
La vita è un sogno reale
e io lo sto sognando
E ho tutto nella testa
il Cantico dell’Umanità
e il Cantico della Disumanità
Vi dipingerò un quadro profondo
un quadro d’azione
un quadro gestuale
nient’altro che puro gesto
Vi scriverò una poesia stratosferica
sulla gente comune
Se mi tolgo la maschera
vedrò il mondo reale
per la prima volta
Ma non me la tolgo
Mi si adatta troppo bene
Alla perfezione
È troppo comoda
E devo pensare alla mia carriera
pensare alla mia vita
Si vive una volta sola
e vivere benissimo è la miglior vendetta
Trovatevi la vostra benda per gli occhi
La mia non ve la do
Dovrete affrontare il mondo senza
E ad ogni modo sono troppo giovane per morire
Io sono Americano
e gli Americani non muoiono
Noi siamo i conquistadores
Siamo i nuovi imperatori romani
Stiamo conquistando il mondo
È l’impero invisibile
del sorridente capitalismo rapace
E la democrazia è il capitalismo
Niente più poveri
Niente più gente che muore di fame
Niente più masse accalcate nel nostro impero
La marea montante tiene su tutte le barche
Sempre che ce l’abbiate, una barca

Lawrence Ferlinghetti

(Traduzione di Damiano Abeni)

da “Scoppi urla risate”, SUR, 2019

∗∗∗

Blind poet

Performed with a blindfold and a cane

I am a blind poet
I am your blind poet and painter
full of fantastic phrases and images
I am painting the landscape of my bent soul
and the soul of mankind
as I see it
I am giving it a voice
I am singing folk songs
about the downtrodden masses
and the rich on their fat asses
I am the painter who feels
with his fingers
I am the blind seeing-eye poet
I see what you can’t see
I eat well and drink well
and dream of great epics
I am your postmodern pastmodern
multimedia artist
I am the most avant of the avant
I’m site-specific and totally conceptual
Even the greatest critics have been baffled
by my profundity
I once knew Andy Warhol
And I’ve slept with you know whom
And I’m a fast-speaking man
your deconstructed language poet
your far-out poet
full of ecstasies and visions
your wandering workshop poet
your hairy university poet
with tenure
your buddhist quietest poet
I go on poetry reading tours
where everything is paid for
I hear everything
and it’s grist to my mill
I use it all
to make great sound poetry
or great concrete poetry
that no one can see through
Life is a real dream
and I am dreaming it
And I’ve got it all in my head
the Song of Humanity
and the Song of Inhumanity
I’ll paint you a profound picture
an action painting
a gestural painting
nothing but pure gesture
I’ll write you a far-out song
of common people
If I take off my mask
I’ll see the real world
for the first time
But I won’t take it off
It fits too well
It’s a perfect fit
It’s too comfortable
And I’ve got my career to think of
my life to think of
We only live once
and living very well is the best revenge
Get your own blindfold
You can’t have mine
You’ll have to face the world without it
And anyway I’m too young to die
I’m an American
and Americans don’t die
We’re the conquerors
We’re the new roman emperors
We’re conquering the world
It’s the invisible empire
of genial vulture capitalism
And democracy is capitalism
No more poor people
No more starving and dying
No more huddled masses in our empire
The rising tide lifts all boats
If you’ve got a boat

Lawrence Ferlinghetti

da “Blasts Cries Laughter”, New Directions Publishing, 2014

Manifesto populista – Lawrence Ferlinghetti

Lawrence Ferlinghetti

Per i poeti, con amore

Poeti, uscite dai vostri studi,
aprite le vostre finestre, aprite le vostre porte
siete stati ritirati troppo a lungo
nei vostri mondi chiusi.
Scendete, scendete
dalle vostre Russian Hills e dalle vostre Telegraph Hills,
dalle vostre Beacon Hills e dalle vostre Chapel Hills,
dalle vostre Brooklyn Heights e dai Montparnasse,
giù dalle vostre basse colline e dalle montagne,
fuori dalle vostre tende e dai vostri palazzi.
Gli alberi stanno ancora cadendo
e non andremo più nei boschi.
Non è il momento ora di sedersi tra loro
quando l’uomo incendia la propria casa
per arrostire il maiale.
Non si canta più Hare Krishna mentre Roma brucia.
San Francisco sta bruciando
La Mosca di Majakowskij sta bruciando
i combustibili fossili della vita.
La notte & il cavallo si avvicinano
mangiando luce, calore & potere
e le nuvole hanno i calzoni.
Non è il momento ora di nascondersi per l’artista
sopra, oltre, dietro le scene,
indifferente, tagliandosi le unghie,
purificandosi fuori dall’esistenza.
Non è il momento ora per i nostri piccoli giochi letterari
non è il momento ora per le nostre paranoie & ipocondrie,
non è il momento ora per la paura & il disgusto,
è il momento solo per la luce & l’amore.
Abbiamo visto le migliori menti della nostra generazione
distrutte dalla noia ai reading di poesia.
La poesia non è una società segreta,
né un tempio.
Le parole & i canti segreti non servono più.
L’ora di emettere l’OM è passata,
viene l’ora di cantare un lamento funebre,
un momento per cantare un lamento funebre & per gioire
sulla fine in arrivo
della civiltà industriale
che è nociva per la terra & per l’Uomo.
Il momento ora di esporsi
nella completa posizione del loto
con gli occhi bene aperti,
il momento ora di aprire le nostre bocche
in un nuovo discorso aperto,
il momento ora di comunicare con tutti gli esseri coscienti,
tutti voi, “Poeti delle Città”
appesi nei musei, includendo me stesso,
tutti voi poeti del poeta che scrive la poesia
sulla poesia
tutti voi poeti di poesia da workshop
nel cuore giungla d’America
tutti voi addomesticati Ezra Pound,

tutti voi poeti pazzi, sballati, da college
tutti voi poeti della Poesia Concrete pre-compressa,
tutti voi poeti cunnilingio,
tutti voi poeti da gabinetto a pagamento che vi lamentate con graffiti,
tutti voi ritmatori da metropolitana che non ritornate mai sulle betulle,
tutti voi padroni della segherie haiku

nelle Siberie d’America,
tutti voi non realisti senza occhi,
tutti voi supersurrealisti autonascosti,
tutti voi visionari da camera da letto,
ed agitprop da gabinetto,
tutti voi poeti alla Groucho Marxista

e Compagni di ozio di classe
che restano inattivi tutto il giorno
e che parlano del lavoro di classe del proletariato,
tutti voi anarchici Cattolici della poesia,
tutti voi Neri Montanari della poesia,
tutti voi Bramini di Boston e bucolici di Bolinas,
tutti voi baby-sitters della poesia,
tutti voi fratelli zen della poesia,
tutti voi amanti suicidi della poesia,
tutti voi capelluti professori della poesia,
tutti voi critici di poesia
che bevete il sangue dei poeti,
tutti voi Poliziotti della Poesia –
Dove sono i figli di Whitman,
dov’è la grande voce che parla ad alta voce
con un senso di dolcezza & di sublimità,
dov’è la nuova grande visione,
la grande visione del mondo,
l’alta canzone profetica
dell’immensa terra
e tutto ciò che canta in essa
e il nostro rapporto con essa –
Poeti, scendete
nelle strade del mondo ancora una volta
e aprite le menti & gli occhi
con la vecchia delizia visuale,
schiarite la gola e parlate più forte,
la poesia è morta, lunga vita alla poesia
con occhi terribili e forza di bufalo.
Non aspettate la rivoluzione
o succederà senza di voi.
Smettete di mormorare e parlate ad alta voce
con una nuova poesia completamente aperta
con una nuova comune-sensuale “comprensione-pubblica”
con altri livelli soggettivi
con altri livelli sovversivi,
un diapason nell’orecchio interno
per colpire sotto la superficie.
Del vostro dolce Io che ancora cantate
ancora esprimete “la parola en-masse” –
Poesia il veicolo comune
per il trasporto pubblico
verso luoghi più alti
di altre ruote che possono portarla.
Poesia che ancora cade dai cieli
dentro le nostre strade ancora aperte.
Loro non hanno ancora alzato barricate,
le strade animate ancora con visi,
uomini & donne attraenti camminano ancora qui,
dovunque ancora attraenti creature,
negli occhi di tutti il segreto di tutti
qui ancora sepolto,
i selvaggi figli di Whitman qui ancora dormono,
si svegliano e camminano nell’aria aperta.

Lawrence Ferlinghetti

Giugno 1975

(Traduzione di Romano Giachetti e Bruno Marcer)

dalla rivista “Poesia”, Anno XVIII, Dicembre 2005, N. 200, Crocetti Editore

∗∗∗

Populist Manifesto

For Poets, with Love

Poets, come out of your closets,
open your windows, open your doors,
you have been holed-up too long
in your closed worlds.
Come down, come down
from your Russian Hills and Telegraph Hills,
your Beacon Hills and your Chapel Hills,
your Mount Analogues and Montparnasses,
down from your foothills and mountains,
out of your teepees and domes.
The trees are still falling
and we’ll to the woods no more.
No time now for sitting in them
as man burns down his own house
to roast his pig
No more chanting Hare Krishna
while Rome burns.
San Francisco’s burning,
Mayakovsky’s Moscow’s burning
the fossil-fuels of life.
Night & the Horse approaches
eating light, heat & power,
and the clouds have trousers.
No time now for the artist to hide
above, beyond, behind the scenes,
indifferent, paring his fingernails,
refining himself out of existence.
No time now for our little literary games,
no time now for our paranoias & hypochondrias,
no time now for fear & loathing,
time now only for light & love.
We have seen the best minds of our generation
destroyed by boredom at poetry readings.
Poetry isn’t a secret society,
It isn’t a temple either.
Secret words & chants won’t do any longer.
The hour of oming is over,
the time of keening come,
a time for keening & rejoicing
over the coming end
of industrial civilization
which is bad for earth & Man.
Time now to face outward
in the full lotus position
with eyes wide open,
Time now to open your mouths
with a new open speech,
time now to communicate with all sentient beings,
all you “Poets of the Cities”
hung in museums including myself,
all you poet’s poets writing poetry
about poetry,
all you poetry workshop poets
in the boondock heart of America,
all you housebroken Ezra Pounds,
all you far-out freaked-out cut-up poets,
all you pre-stressed Concrete poets,
all you cunnilingual poets,
all you pay-toilet poets groaning with graffiti,
all you A-train swingers who never swing on birches,
all you masters of the sawmill haiku in the Siberias of America,
all you eyeless unrealists,
all you self-occulting supersurrealists,
all you bedroom visionaries and closet agitpropagators,
all you Groucho Marxist poets
and leisure-class Comrades
who lie around all day and talk about the workingclass proletariat,
qll you Catholic anarchists of poetry,
qll you Black Mountaineers of poetry,
all you Boston Brahims and Bolinas bucolics,
all you den mothers of poetry,
all you zen brothers of poetry,
all you suicide lovers of poetry,
all you hairy professors of poesie,
all you poetry reviewers
drinking the blood of the poet,
all you Poetry Police –
where are Whitman’s wild children,
where the great voices speaking out
with a sense of sweetness and sublimity,
where the great’new vision,
the great world-view,
the high prophetic song
of the immense earth
and all that sings in it
and our relations to it–
poets, descend
to the street of the world once more
and open your minds & eyes
with the old visual delight,
clear your throat and speak up,
poetry is dead, long live poetry
with terrible eyes and buffalo strength.
Don’t wait for the Revolution
or it’ll happen without you,
stop mumbling and speak out
with a new wide-open poetry
with a new commonsensual “public surface”
with other subjective levels
or other subversive levels,
a tuning fork in the inner ear
to strike below the surface.
Of your own sweet Self still sing
yet utter “the word en-masse” –
Poetry the common carrier
for the transportation of the public
to higher places
than other wheels can carry it.
Poetry still falls from the skies
into our streets still open.
They haven’t put up the barricades, yet,
the streets still alive with faces,
lovely men & women still walking there,
still lovely creatures everywhere,
in the eyes of all the secret of all
still buried there,
Whitman’s wild children still sleeping there,
Awake and walk in the open air.

Lawrence Ferlinghetti

“Populist Manifesto”, Garium Press, 1975

Per sfiducia nei meriti – Marianne Moore

 

Fortificati a vivere, fortificati a morire
  soltanto per medaglie e per vittorie di posizione?
Combattono, combattono, combattono
  il cieco che è convinto di vedere –
e non vede che chi fa schiavi
è schiavo, chi odia è offeso. O ferma stella
              e splendida, o tumultuoso oceano
                             flagellato finché le cose minime
              si sperdono e l’onda gigantesca
                            rivela ai nostri sguardi la misura 

dell’abisso. Perduti in mare prima di combattere!
   O stella di David, stella di Betlemme,
o nero leone imperiale
   del Signore – emblema
di un mondo risorto – unitevi, unitevi
alla fine. C’è una corona d’odio, e sotto ad essa
               tutto è morte; ce n’è una d’amore, e senza di essa
                              nessuno è re; e gli atti benedetti
                benedicono l’aureola. Come un contagio
                               di malattia procura malattia, 

un contagio di fede può dar fede.
   Combattono in deserti e caverne,
a uno a uno, a battaglioni e squadre;
   combattono perché possa guarire
anch’io da questo male, da Me Stessa;
ne guariscono alcuni; altri morranno. “L’uomo
                è lupo all’uomo”, e noi ci divoriamo.
                               Neanche il nemico avrebbe mai potuto
                aprire una breccia così vasta
                                 nelle nostre difese.

Chi fa da guida a un cieco può sfuggirgli,
   ma Giobbe, disanimato da falso conforto,
sapeva che mai nulla può sconvolgere
  quanto un cieco capace di vedere.
O vivi che siete morti, voi che siete fieri
di non vedere, o polvere meschina della terra
               che incede così piena d’arroganza,
                            la fiducia genera potenza e la fede
               è una cosa amorevole. Noi
                               facciamo un voto, noi promettiamo
a chi combatte – sì, è una promessa – : “Non odieremo
   mai il nero, il bianco, il rosso, il giallo,
l’ebreo, il gentile, l’intoccabile”. Ma noi
   non possiamo esaudire i nostri voti.
Stringendo la mascella essi combattono,
combattono, combattono – alcuni che amiamo
                                                                         e conosciamo,
                 altri che amiamo ma non conosciamo –
                               perché i cuori si scuotano dal sonno.
                Così guarisco; o forse sono quello
                             in cui non posso credere?

Chi nella neve, chi sulle rupi o nelle sabbie mobili,
a poco a poco, a molto a molto,
combattono, combattono, combattono
   perché dov’era morte
sia la vita. “Quando un uomo è preda della collera,
è aizzato dalle cose esterne; ma quando
               tiene testa ed è paziente paziente
                               paziente, allora è l’azione
                o la bellezza”, la migliore difesa del soldato,
                               la più salda corazza

per la lotta. Il mondo è una casa di orfani. E noi
  non avremo mai pace senza pena?
Senza le invocazioni dei morenti
  in cerca di un aiuto che non viene?
O forma abbandonata nella polvere,
io non posso guardare, eppure devo.
              Se questo morire così grande e paziente –
                            tutte queste agonie e ferite e scorrere
                                                                              di sangue –
               potrà insegnarci a vivere,
                              questo morire non è stato invano.

Cuore indurito dall’odio, o cuore di ferro,
  il ferro è ferro finché si fa ruggine.
Non c’è mai stata guerra che non fosse
  dentro di noi; e io devo combattere
finché non avrò vinto entro me stessa
ciò che è causa di guerra e non credevo.
               Dentro di me io non ho fatto nulla.
                             Delitto degno dell’Iscariota!
               La bellezza ha per sé l’eternità
                             e la polvere dura solo un’ora.

Marianne Moore

(Traduzione di Lina Angioletti e Gilberto Forti)

dalla rivista “Poesia”, Anno XVIII, Dicembre 2005, N. 200, Crocetti Editore

∗∗∗

In Distrust of Merits

Strengthened to live, strengthened to die for
       medals and position victories?
They’re fighting, fighting, fighting the blind
       man who thinks he sees,—
who cannot see that the enslaver is
enslaved; the hater, harmed. O shining O
              firm star, O tumultuous
                     ocean lashed till small things go
              as they will, the mountainous
                     wave makes us who look, know
depth. Lost at sea before they fought! O
       star of David, star of Bethlehem,
O black imperial lion
       of the Lord—emblem
of a risen world—be joined at last, be
joined. There is hate’s crown beneath which all is
              death; there’s love’s without which none
                     is king; the blessed deeds bless
              the halo. As contagion
                     of sickness makes sickness,
contagion of trust can make trust. They’re
       fighting in deserts and caves, one by
one, in battalions and squadrons;
       they’re fighting that I
may yet recover from the disease, My
Self; some have it lightly, some will die. “Man’s
              wolf to man” and we devour
                     ourselves. The enemy could not
              have made a greater breach in our
                     defenses. One pilot-
ing a blind man can escape him, but
       Job disheartened by false comfort knew
that nothing can be so defeating
       as a blind man who
can see. O alive who are dead, who are
proud not to see, O small dust of the earth
              that walks so arrogantly,
                     trust begets power and faith is
              an affectionate thing. We
                     vow, we make this promise
to the fighting—it’s a promise—“We’ll
       never hate black, white, red, yellow, Jew,
Gentile, Untouchable.” We are
       not competent to
make our vows. With set jaw they are fighting,
fighting, fighting,—some we love whom we know,
              some we love but know not—that
                     hearts may feel and not be numb.
              It cures me; or am I what
                     I can’t believe in? Some
in snow, some on crags, some in quicksands,
       little by little, much by much, they
are fighting fighting fighting that where
       there was death there may
be life. “When a man is prey to anger,
he is moved by outside things; when he holds
              his ground in patience patience
                     patience, that is action or
              beauty,” the soldier’s defense
                     and hardest armor for
the fight. The world’s an orphans’ home. Shall
       we never have peace without sorrow?
without pleas of the dying for
       help that won’t come? O
quiet form upon the dust, I cannot
look and yet I must. If these great patient
              dyings—all these agonies
                     and woundbearings and bloodshed—
              can teach us how to live, these
                     dyings were not wasted.
Hate-hardened heart, O heart of iron,
       iron is iron till it is rust.
There never was a war that was
       not inward; I must
fight till I have conquered in myself what
causes war, but I would not believe it.
              I inwardly did nothing.
                     O Iscariotlike crime!
              Beauty is everlasting
                     and dust is for a time.

Marianne Moore

da “Nevertheless”, New York: Macmillan, 1944