La verità, vi prego, sull’amore – Wystan Hugh Auden

Robert Doisneau, Le baiser de l’Hôtel de Ville, Paris, 1950

 

Dicono alcuni che amore è un bambino
            e alcuni che è un uccello,
alcuni che manda avanti il mondo
            e alcuni che è un’assurdità
e quando ho domandato al mio vicino,
           che aveva tutta l’aria di sapere,
sua moglie si è seccata e ha detto che
           non era il caso, no.

Assomiglia a una coppia di pigiami
   o al salame dove non c’è da bere?
Per l’odore può ricordare i lama
   o avrà un profumo consolante?
È pungente a toccarlo, come un prugno
   o è lieve come morbido piumino?
È tagliente o ben liscio lungo gli orli?
   La verità, vi prego, sull’amore.

I manuali di storia ce ne parlano
           in qualche noticina misteriosa,
ma è un argomento assai comune
          a bordo delle navi da crociera;
ho trovato che vi si accenna nelle
          cronache dei suicidi
e l’ho visto persino scribacchiato
          sul retro degli orari ferroviari.

Ha il latrato di un alsaziano a dieta
   o il bum-bum di una banda militare?
Si può farne una buona imitazione
   su una sega o uno Steinway da concerto?
Quando canta alle feste è un finimondo?
   Apprezzerà soltanto roba classica?
Smetterà se si vuole un po’ di pace?
   La verità, vi prego, sull’amore.

Sono andato a guardare nel bersò
          lì non c’era mai stato;
ho esportato il Tamigi a Maidenhead,
          e poi l’aria balsamica di Brighton.
Non so che cosa mi cantasse il merlo,
          o che cosa dicesse il tulipano,
ma non era nascosto nel pollaio
          e non era nemmeno sotto il letto.

Sa fare delle smorfie straordinarie?
   Sull’altalena soffre di vertigini?
Passerà tutto il suo tempo alle corse
   o strimpellando corde sbrindellate?
Avrà idee personali sul denaro?
   È un buon patriota o mica tanto?
Ne racconta di allegre, anche se spinte?
   La verità, vi prego, sull’amore.

Quando viene, verrà senza avvisare,
   proprio mentre sto frugando il naso?
Busserà la mattina alla mia porta
   o là sul bus mi pesterà un piede?
Accadrà come quando cambia il tempo?
   Sarà cortese o spiccio il suo saluto?
Darà una svolta a tutta la mia vita?
   La verità, vi prego, sull’amore.

Wystan Hugh Auden

(Traduzione di Gilberto Forti)

da “W. H. Auden, La verità, vi prego, sull’amore”, Adelphi Edizioni, 1994

∗∗∗

O Tell Me The Truth About Love 

Some say love’s a little boy,
          And some say it’s a bird,
Some say it makes the world go round,
          Some say that’s absurd,
And when I asked the man next-door,
          Who looked as if he knew,
His wife got very cross indeed,
           And said it wouldn’t do.

Does it look like a pair of pyjamas,
   Or the ham in a temperance hotel?
Does its odour remind one of llamas,
   Or has it a comforting smell?
Is it prickly to touch as a hedge is,
   Or soft as eiderdown fluff?
Is it sharp or quite smooth at the edges?
   O tell me the truth about love.

Our history books refer to it
           In cryptic little notes,
It’s quite a common topic on
          The Transatlantic boats;
I’ve found the subject mentioned in
          Accounts of suicides,
And even seen it scribbled on
          The backs of railway guides.

Does it howl like a hungry Alsatian,
   Or boom like a military band?
Could one give a first-rate imitation
   On a saw or a Steinway Grand?
Is its singing at parties a riot?
   Does it only like Classical stuff?
Will it stop when one wants to be quiet?
   O tell me the truth about love.

I looked inside the summer-house;
          It wasn’t even there;
I tried the Thames at Maidenhead,
          And Brighton’s bracing air.
I don’t know what the blackbird sang,
          Or what the tulip said;
But it wasn’t in the chicken-run,
          Or underneath the bed.

Can it pull extraordinary faces?
   Is it usually sick on a swing?
Does it spend all its time at the races,
   or fiddling with pieces of string?
Has it views of its own about money?
   Does it think Patriotism enough?
Are its stories vulgar but funny?
   O tell me the truth about love.

When it comes, will it come without warning
   Just as I’m picking my nose?
Will it knock on my door in the morning,
   Or tread in the bus on my toes?
Will it come like a change in the weather?
   Will its greeting be courteous or rough?
Will it alter my life altogether?
   O tell me the truth about love.

Wystan Hugh Auden

da “Wystan Hugh Auden, Collected Poems”, Random House, 1976 

Una lettera – Anthony Hecht

                   

                    Da un po’ mi sto chiedendo
a cosa pensi, e a questo punto mi sa
                    non a me, certamente.
Ma s’è destato il croco, e l’allodola, e il tremebondo
                    sangue sa quello che sa.
Parla da solo tutta notte, come un mare di luna semovente.

                   Certo, è di te che parla.
All’alba, su cui l’oceano ha issato il suo strascico di lumi,
                   il sole pianta un piede flessuoso
su quello scroscio di specchi, ma il sangue tarla
                   le tiepide notti d’Arabia,
pronunciando il tuo nome pulsante nelle buie radici del cuore.

                   Nome che, certo, resterà innominato.
Comunque, voglio tu sappia che ho fatto del mio meglio,
                   come son sicuro hai fatto anche tu.
Qualcun altro è legato a noi, incolpevole e garbato,
                   il cui nome sta nel garbuglio
delle ciance incessanti. Carissima, il limpido, insepolto blu

                   di quegli abissi è quasi accecante.
Forse ricordi la volta che portasti ai miei fanciulli
                   due uccelletti lanuti.
Ieri il primo mi ha chiesto di te – aveva ritrovato
                   il tuo piccolo tordo tra i suoi trastulli.
E le maree sono montate attorno a me, e sono rimasto muto.

                   C’è poco altro da raccontare.
Si dà il proprio meglio per continuare come in passato,
                   facendo qualche buona azione.
Ma vorrei che tu sapessi che non va tutto bene
                  quando un uomo è ferreo nella negazione
delle interminabili ripetizioni del proprio sangue sussurrato.

Anthony Hecht

(Traduzione di Damiano Abeni e Moira Egan)

da “Le ore dure”, Donzelli Poesia, 2018

∗∗∗

A Letter

                    I have been wondering
What you are thinking about, and by now suppose
                    It is certainly not me.
But the crocus is up, and the lark, and the blundering
                    Blood knows what it knows.
It talks to itself all night, like a sliding moonlit sea.

                   Of course, it is talking of you.
At dawn, where the ocean has netted its catch of lights,
                   The sun plants one lithe foot
On that spill of mirrors, but the blood goes worming through
                   Its warm Arabian nights,
Naming your pounding name again in the dark heart-root,

                   Who shall, of course, be nameless.
Anyway, I should want you to know I have done my best,
                   As I’m sure you have, too.
Others are bound to us, the gentle and blameless
                   Whose names are not confessed
In the ceaseless palaver. My dearest, the clear unquarried blue

                   Of those depths is all but blinding.
You may remember that once you brought my boys
                   Two little woolly birds.
Yesterday the older one asked for you upon finding
                   Your thrush among his toys.
And the tides welled about me, and I could find no words.

                   There is not much else to tell.
One tries one’s best to continue as before,
                   Doing some little good.
But I would have you know that all is not well
                   With a man dead set to ignore
The endless repetitions of his own murmurous blood.

Anthony Hecht

da “The hard hours: poems”, Atheneum, 1967

«È la “speranza” una creatura alata» – Emily Dickinson

Foto di Susan De Witt

254

È la “speranza” una creatura alata
che si annida nell’anima –
e canta melodie senza parole –
senza smettere mai –

E la senti dolcissima nel vento –
e ben aspra dev’esser la tempesta
che valga a spaventare il tenue uccello
che tanti riscaldò –

Nella landa più gelida l’ho udita –
sui più remoti mari –
ma nemmeno all’estremo del bisogno
ha voluto una briciola – da me.

Emily Dickinson

c. 1861

(Traduzione di Silvio Raffo)

da “Emily Dickinson, Tutte le poesie”, “I Meridiani” Mondadori, 1997

∗∗∗

254

“Hope” is the thing with feathers –
That perches in the soul –
And sings the tune without the words –
And never stops – at all –

And sweetest – in the Gale – is heard –
And sore must be the storm –
That could abash the little Bird
That kept so many warm –

I’ve heard it in the chillest land –
And on the strangest Sea –
Yet, never, in Extremity,
It asked a crumb – of Me.

Emily Dickinson

c. 1861

da “Poems”, a cura di Mabel Loomis Todd e Thomas W. Higginson, Boston, Robert Brothers, 1891

«Mi fu data dagli dei –» – Emily Dickinson

Allan Grant, A girl daydreaming during class, Florida, March 1947

[454]

Mi fu data dagli dei –
che ero bambina –
Ci fanno regali – si sa – perlopiú
quando siamo nuovi – e piccoli.
Io la tenevo in mano –
non l’ho mai posata –
non osavo mangiare – né dormire –
per paura che andasse via –
Udivo parole come «ricca» –
mentre correvo a scuola –
da labbra agli angoli delle strade –
e cercavo di resistere a un sorriso.
Ricca! Ero io proprio – a essere ricca –
a prendere il nome dell’oro –
e oro possedere – in barre massicce –
La differenza – mi rendeva fiera –

Emily Dickinson

(Traduzione di Silvia Bre)

da “Uno zero più ampio”, Einaudi, Torino, 2013

∗∗∗

[454]

It was given to me by the Gods –
When I was a little Girl –
They given us Presents most – you know –
When we are new – and small.
I kept it in my Hand –
I never put it down –
I did not dare to eat – or sleep –
For fear it would be gone –
I heard such words as «Rich» –
When hurrying to school –
From lips at Corners of the Streets –
And wrestled with a smile.
Rich! ’Twas Myself – was rich –
To take the name of Gold –
And Gold to own – in solid Bars –
The Difference – made me bold –

Emily Dickinson

da “The Poems of Emily Dickinson”, The Belknap Press of Harvard University Press, Cambridge (Mass.), 1955

«Vederla è un quadro −» – Emily Dickinson

1568

Vederla è un quadro −
Ascoltarla è una musica 
Conoscerla un eccesso
Così innocente come giugno −
Non conoscerla − afflizione −
Averla come amica
È come se nella tua mano
Ardesse un calore simile al sole.

Emily Dickinson

c.1883

(Traduzione di Annalisa Cima e Eugenio Montale)

da “Tutte le poesie”, “I Meridiani” Mondadori, 1997

∗∗∗

1568

To see her is a Picture −
To hear her is a Tune −
To know her an Intemperance
As innocent as June −
To know her not − Affliction −
To own her for a Friend
A warmth as near as if the Sun
Were shining in your Hand.

Emily Dickinson

da “Bolts of Melody: New Poems of Emily Dickinson”, New York: Harper, 1945