Osservazioni sulle notti d’agosto a Petřín – Angelo Maria Ripellino

Josef Sudek, Prague Garden & Petřín Hill, circa 1969

 

La luna è velata di garza,
si spegne su Petřín un giardino di rose;
muore ogni rosa su un piatto di spine.
Triste, come una vecchia ballata sui topi e sul frumento,
sino alla cìntola immersa nel fiume
piange, senza sollievo, la città sdentata.
Laggiù, all’orizzonte, il Cigno Bianco,
in punta di piedi su un tetto,
divampa come salnitro.
Sui viottoli fioriti il vento spinge
i nostri occhi, granelli di papavero.
Ahimè, le pupille in un pozzo di luce,
gli occhi che punge un diluvio di rose!

Angelo Maria Ripellino

da “Poesie prime e ultime”, Torino, Aragno, 2006

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.