Vòltess – Franco Loi

Foto di Leopoldo Pomés

 

Vòltati, senza dar peso, come si fa
quando i pensieri nell’aria scivolano via,
voltati per abitudine, lenta, senza senso
come quelle donne che per strada girano
la testa per un uomo, in casa, o sulla porta,
voltati per simpatia d’un rumore lontano,
o d’una rondine su nel cielo stravolta,
voltati senza sapere, per volontà
d’un qualche pensiero bizzarro, o per bugia,
voltati per ritornare, che dimenticato
ci son io dietro le spalle per rubarti
quel niente del camminare, quel tuo andare via.

Franco Loi

da “Lünn”, Firenze, Il Ponte, 1982

***

Vòltess, sensa dagh pés, cume se fa 
quand ch’i penser ne l’aria slisen via,
vòltess per abitüden lenta, sensa sâ,
cume quj donn che per la strada i gira
la testa per un òmm, in câ, o sü la porta,
vòltess per simpatia d’un rümur luntan,
o d’una runden sü nel ciel stravolta,
vòltess sensa savè, per vuluntâ
d’un quaj penser bislacch, o per busia,
vòltess per returnà, che smentegâ
sun mì che dré di spall te rubaria
quel nient del camenà, quel tò ’ndà via.

«Oh foglia che tremi nel guardare» – Franco Loi

Domenico Tattoli, Autumn Leaves

 

Oh foglia che tremi nel guardare,
è l’aria che si muove e che conosce
in quelle parole che sanno dove andare,
tu tremi al pensare che si fa rosso
nel trasparente degli occhi al tuo sognare
che è memoria all’essere tra quella tosse
del muoversi dell’anima lontana nel toccare…
Si viene dal cuore e si ritorna al cuore
nel nascosto bello del tacere che sa parlare,
nel levarsi la luna che del suo nascere muore…
− i piatti sono freddi, i calici trasparenti,
si passa un pane come per dirsi un desiderio −
e cosí si trema dei gridi che porta il vento,
della memoria, dell’ombra, del chiamare,
del bello si trema, dell’ignoto nella gente,
del nonnulla che passa nel fiato del guardare.

Franco Loi

da “Amur del temp”, Crocetti Editore, 1999

∗∗∗

Oh, föja che te trèmet nel vardà,
l’è l’aria che se möv e che cunúss
den’ quj paròll che san in due andà,
te trèmet al pensà che se fa russ
nel trasparent di öcc al tò insugnà
che l’è memoria al vèss tra quèla tuss
del möv de l’ànema luntana nel tucà…
Se vègn dal cör e se returna al cör
nel scund sò bèll del tâs che sa parlà,
nel vègn la lüna che del nàss se mör…
− i piatt în frècc, i càlis trasparent,
se passa un pan cume per dîss un vör −
e inscí se trema di sîgh che porta el vent,
de la memoria, de l’umbra, del ciamà,
del bèll se trèma, del scunussü di gent,
del nient che passa ne l’anfa del vardà.

«Eravamo d’aria in un cielo di frasche» – Franco Loi

Édouard Boubat, France, 1950

 

Eravamo d’aria in un cielo di frasche
e dalla mura l’edera a ridacchiare,
e l’aria era il tempo, e lei diceva:
«La mia paura è quel tuo toccarmi!»
Passa una nuvola e guardo i miei pensieri,
un uccello zufola, e sento come un tremare.
Ho trattenuto il cuore, e lei diceva: «Ieri
la mia giovinezza ti moriva in braccio».
Null’altro mi pareva di ascoltare.
Taceva il tempo, e mi tenevo basso.

Franco Loi

da “Liber”, Garzanti, 1988

***

Serum de aria int un ciel de frasca
e da la müra l’erga a ridascià,
e l’aria l’era el temp, e lé diseva:
«La mia paüra l’è quèl tò tucàm!»
Passa ‘na nevura e vardi i mè penser,
‘n üsell sifula, e senti ‘me ‘n tremà.
Û tegnü ‘l cör, e lé diseva: «Jer
la mia giuinessa la te muriva in brass».
Nient alter me pareva de scultà.
Taseva el temp, e me tegnivi bass.

«Siamo poca roba, Dio, siamo quasi niente» – Franco Loi

Foto di Tina Fersino

 

Siamo poca roba, Dio, siamo quasi niente,
forse memoria siamo, un soffio dell’aria,
ombra degli uomini che passano, i nostri parenti,
forse il ricordo d’una qualche vita perduta,
un tuono che da lontano ci richiama,
la forma che sarà di altra progenie…
Ma come facciamo pietà, quanto dolore,
e quanta vita se la porta il vento!
Andiamo senza sapere, cantando gli inni,
e a noi di ciò che eravamo non è rimasto niente.

Franco Loi

da “Liber”, Garzanti, Milano, 1988

***

Sèm poca roba, Diu, sèm squasi nient,
forsi memoria sèm, un buff de l’aria,
umbría di òmm che passa, i noster gent,
forsi ‘l record d’una quaj vita spersa,
un tron che de luntan el ghe reciàma,
la furma che sarà d’un’altra gent…
Ma cume fèm pietâ, quanta cicoria,
e quanta vita se porta el vent!
Andèm sensa savè, cantand i gloria,
e a nüm de quèl che serum resta nient.

«Che luce negli occhi nel farsi carne l’amore!» – Franco Loi

Mario Giacomelli, Un uomo, una donna, un amore, 1960 – 61

 

Che luce negli occhi nel farsi carne l’amore!
E viene a noi dell’aria il capovolgersi del tempo,
la quiete della campagna e quel sapore
di foglie di lauro e d’uccelli sul fieno
che si fan d’aria nell’abbandonarsi al vento…
E come lucida ai fossi e la bardana!
il cielo che cala tra i refoli del frumento!
Mistero guardarsi e nel pensarsi lontani…
E non lontani da noi, ma noi nel vento,
tra i mais e l’uva, i salici, le cavagne,
i monti dietro i cipressi che chiamano la sera
e l’ovatta delle nuvole sui castagni
al tuo ritrovarti ragazza nella spera
di polvere del sole e tacere nel farsi vetro
le erbe e i lampioni, nel bere la vera
pazienza del cercarsi e mai toccarsi.

Franco Loi

da “Amur del temp”, Crocetti Editore, 1999

***

Che lüs di öcc nel fâss carna l’amur!
E vègn a nüm de aria el reultâss del temp,
la quièt de la campagna e quèl savur
de föj de làvur e d’üsej sül fen
che se fànn d’aria nel sbandunâss al vent…
E cume lüstra aj foss l’è la bardana!
el ciel che scend tra i rèful del furment!
Mister vardass e nel pensass luntan…
E no luntan de nüm, ma nüm nel vent,
fra i maíss e l’üga, i sàres, i cavagn,
i munt dré i arciprèss che ciamen sera
e i bumbâs di nüver süj castagn
al tò truâss de tusa ne la spera
pulver del sû e tâs ne l’invedriâss
di èrb e di lampiun, nel bév la vera
passiensa del cercâss e mai tuccâss.