«Su un tram ho visto in faccia la bellezza» – Franco Loi

Robert Doisneau, Marc and Christiane Chevalier on the Paris Metro, 1953

 

Su un tram ho visto in faccia la bellezza,
un tram sudato, di cappelli e giacche,
di impiegati con le facce della tristezza,
e donne grasse, e ombelichi sui tacchi;
ho visto la faccia che le bruciava il cuore
in una Milano che scivolava tra mucchi
di case addormentate, di uomini che sembrano morire,
di auto, bus, sirene e gas nell’aria,
e questo fuggire del tempo oltre la volontà…
Era una traccia franca, luce nell’aria,
nel ridere blu di occhi color del vento,
un vestito floscio d’un rosa che pare cangiante
al tremare del corpo al tocco del sentimento…
Io l’ho bevuta nel bello del suo guardare
e lei si è fatta festa tra la gente.

Franco Loi

da “Amur del temp”, Crocetti Editore, 1999

***

Sü ‘n tram û ‘ist in faccia la belessa,
un tram südâ, de cappell e giacch,
de impiagâ cuj face de la tristessa,
e de dònn grass, de bamburín cuj tacch;
û ‘ist la faccia che ghe brusava el cör
in ‘na Milan che la slisava aj fracch
de câ indurment, de òmm che par che mör,
de auto, buss, sirèn e gas ne l’aria,
e ‘stu scappà del temp föra del vör…
L’era ‘na faccia franca, lüs ne l’aria,
nel rídd al blö di öcc culur del vent,
un vestî flosc d’un rösa che par svaria
al trèm del corp al tucch del sentiment…
Mî l’u beüda nel bèll del sò vardà
e lé s’è fada festa tra la gent.

«Mi sono sentito morire senza capire» – Franco Loi

Foto di André Kertés

 

Mi sono sentito morire senza capire
che noi si muore e nasce senza saperlo…
Ma c’era una finestra dove sembra buio
e ci si arriva adagio per la piazza
con sopra un fazzoletto di stelle e muri
che parlano di uomini antichi e di miseria…
Mi sono sentito morire quando ho saputo
che c’era una finestra nella sera,
ed era bianca, e aperta come il sole…
Ma quando ho camminato per la piazza
mi sono perso tra i passi, e la finestra
era lontana e io ero nel buio.

Franco Loi

da “Bach”, in “Aria de la memoria”, Torino, Einaudi, 2005

∗∗∗

Me sun sentî de mör sensa capí
che nüm se mör e nàss sensa savè…
Ma gh’era ’na fenestra due par scür
e ghe se riva adasi per la piassa
cun sura un fassulètt de stèll e mür
che pàrlen d’òmm antígh e de miseria…
Me sun sentî de mör quand û savü
che gh’era ’na fenestra ne la sera,
e bianca l’era, e ’vèrta cume ’l sû…
Ma quand û camenâ per quèla piassa
mí me sun pèrs tra i pass, e la fenestra
l’era luntana e mí seri nel scür.

«Mi piacerebbe di me dimenticarmi» – Franco Loi

Brassaï, Paulette et André, 1949

 

Mi piacerebbe di me dimenticarmi,
e camminare, e respirare per te,
essere come i ragazzi che quando li prende il sole
si lasciano seminare dove lui vuole,
e mai ritrovarsi, e non piú capire di me stesso,
ma essere gioioso dell’aria che mi attira
là dove la vita si pensa vivere.

Franco Loi

da “Lünn”, Firenze, Il Ponte, 1982

∗∗∗

Me piasaríss de mí desmentegâss,
e camenà, e respirà per tí,
vèss cume i fjö che quand je branca el sû
se làssen sumenà due el vör lü,
e mai truâss, e pü capí de mí,
ma vèss giuius de l’aria che me tira
due che la vita la se pensa vîv.

Vòltess – Franco Loi

Foto di Leopoldo Pomés

 

Vòltati, senza dar peso, come si fa
quando i pensieri nell’aria scivolano via,
voltati per abitudine, lenta, senza senso
come quelle donne che per strada girano
la testa per un uomo, in casa, o sulla porta,
voltati per simpatia d’un rumore lontano,
o d’una rondine su nel cielo stravolta,
voltati senza sapere, per volontà
d’un qualche pensiero bizzarro, o per bugia,
voltati per ritornare, che dimenticato
ci son io dietro le spalle per rubarti
quel niente del camminare, quel tuo andare via.

Franco Loi

da “Lünn”, Firenze, Il Ponte, 1982

***

Vòltess, sensa dagh pés, cume se fa 
quand ch’i penser ne l’aria slisen via,
vòltess per abitüden lenta, sensa sâ,
cume quj donn che per la strada i gira
la testa per un òmm, in câ, o sü la porta,
vòltess per simpatia d’un rümur luntan,
o d’una runden sü nel ciel stravolta,
vòltess sensa savè, per vuluntâ
d’un quaj penser bislacch, o per busia,
vòltess per returnà, che smentegâ
sun mì che dré di spall te rubaria
quel nient del camenà, quel tò ’ndà via.

«Oh foglia che tremi nel guardare» – Franco Loi

Domenico Tattoli, Autumn Leaves

 

Oh foglia che tremi nel guardare,
è l’aria che si muove e che conosce
in quelle parole che sanno dove andare,
tu tremi al pensare che si fa rosso
nel trasparente degli occhi al tuo sognare
che è memoria all’essere tra quella tosse
del muoversi dell’anima lontana nel toccare…
Si viene dal cuore e si ritorna al cuore
nel nascosto bello del tacere che sa parlare,
nel levarsi la luna che del suo nascere muore…
− i piatti sono freddi, i calici trasparenti,
si passa un pane come per dirsi un desiderio −
e cosí si trema dei gridi che porta il vento,
della memoria, dell’ombra, del chiamare,
del bello si trema, dell’ignoto nella gente,
del nonnulla che passa nel fiato del guardare.

Franco Loi

da “Amur del temp”, Crocetti Editore, 1999

∗∗∗

Oh, föja che te trèmet nel vardà,
l’è l’aria che se möv e che cunúss
den’ quj paròll che san in due andà,
te trèmet al pensà che se fa russ
nel trasparent di öcc al tò insugnà
che l’è memoria al vèss tra quèla tuss
del möv de l’ànema luntana nel tucà…
Se vègn dal cör e se returna al cör
nel scund sò bèll del tâs che sa parlà,
nel vègn la lüna che del nàss se mör…
− i piatt în frècc, i càlis trasparent,
se passa un pan cume per dîss un vör −
e inscí se trema di sîgh che porta el vent,
de la memoria, de l’umbra, del ciamà,
del bèll se trèma, del scunussü di gent,
del nient che passa ne l’anfa del vardà.