Vòltess – Franco Loi

Foto di Leopoldo Pomés

 

Vòltati, senza dar peso, come si fa
quando i pensieri nell’aria scivolano via,
voltati per abitudine, lenta, senza senso
come quelle donne che per strada girano
la testa per un uomo, in casa, o sulla porta,
voltati per simpatia d’un rumore lontano,
o d’una rondine su nel cielo stravolta,
voltati senza sapere, per volontà
d’un qualche pensiero bizzarro, o per bugia,
voltati per ritornare, che dimenticato
ci son io dietro le spalle per rubarti
quel niente del camminare, quel tuo andare via.

Franco Loi

da “Lünn”, Firenze, Il Ponte, 1982

***

Vòltess, sensa dagh pés, cume se fa 
quand ch’i penser ne l’aria slisen via,
vòltess per abitüden lenta, sensa sâ,
cume quj donn che per la strada i gira
la testa per un òmm, in câ, o sü la porta,
vòltess per simpatia d’un rümur luntan,
o d’una runden sü nel ciel stravolta,
vòltess sensa savè, per vuluntâ
d’un quaj penser bislacch, o per busia,
vòltess per returnà, che smentegâ
sun mì che dré di spall te rubaria
quel nient del camenà, quel tò ’ndà via.

«Dentro la parola persa io mi perdo» – Franco Loi

Lauren Semivan, Wind, 2012

 

Dentro la parola persa io mi perdo,
divento le cose del mondo, l’aria che passa,
quella parola che sta dietro l’aria
e si fa chiara agli occhi che stanno nel tempo;
e se io parlo non so chi è a parlare,
è il vento che parla nel mio sentimento,
che niente si fa dal niente, e nel pensare
la voce che mi chiama mi viene dentro.

Franco Loi

da “Isman”, Einaudi, Torino, 2002

***

Dent la paròla vèrta mí me pèrdi,
deventi i ròbb del mund, l’aria che passa,
quèla parola che sta dedré de l’aria
e se fa ciara aj ögg che stann nel temp;
e se mí parli sú no chi l’è a parlà,
l’è ’l vent che parla nel mè d’un sentiment,
ché nient se fa dal nient e nel pensà
la vûs che mí me ciama me vègn dent.

«Siamo poca roba, Dio, siamo quasi niente» – Franco Loi

Foto di Tina Fersino

 

Siamo poca roba, Dio, siamo quasi niente,
forse memoria siamo, un soffio dell’aria,
ombra degli uomini che passano, i nostri parenti,
forse il ricordo d’una qualche vita perduta,
un tuono che da lontano ci richiama,
la forma che sarà di altra progenie…
Ma come facciamo pietà, quanto dolore,
e quanta vita se la porta il vento!
Andiamo senza sapere, cantando gli inni,
e a noi di ciò che eravamo non è rimasto niente.

Franco Loi

da “Liber”, Garzanti, Milano, 1988

***

Sèm poca roba, Diu, sèm squasi nient,
forsi memoria sèm, un buff de l’aria,
umbría di òmm che passa, i noster gent,
forsi ‘l record d’una quaj vita spersa,
un tron che de luntan el ghe reciàma,
la furma che sarà d’un’altra gent…
Ma cume fèm pietâ, quanta cicoria,
e quanta vita se porta el vent!
Andèm sensa savè, cantand i gloria,
e a nüm de quèl che serum resta nient.

«Eravamo d’aria in un cielo di frasche» – Franco Loi

Édouard Boubat, France, 1950

 

Eravamo d’aria in un cielo di frasche
e dalla mura l’edera a ridacchiare,
e l’aria era il tempo, e lei diceva:
«La mia paura è quel tuo toccarmi!»
Passa una nuvola e guardo i miei pensieri,
un uccello zufola, e sento come un tremare.
Ho trattenuto il cuore, e lei diceva: «Ieri
la mia giovinezza ti moriva in braccio».
Null’altro mi pareva di ascoltare.
Taceva il tempo, e mi tenevo basso.

Franco Loi

da “Liber”, Garzanti, 1988

***

Serum de aria int un ciel de frasca
e da la müra l’erga a ridascià,
e l’aria l’era el temp, e lé diseva:
«La mia paüra l’è quèl tò tucàm!»
Passa ‘na nevura e vardi i mè penser,
‘n üsell sifula, e senti ‘me ‘n tremà.
Û tegnü ‘l cör, e lé diseva: «Jer
la mia giuinessa la te muriva in brass».
Nient alter me pareva de scultà.
Taseva el temp, e me tegnivi bass.

«C’è nascosto qualcosa in me che mi tocca» – Franco Loi

Semivan Lauren, Echo, 2013

 

C’è nascosto qualcosa in me che mi tocca
quando fiato l’aria, le parlo, e lei
passa come sempre passa l’aria
nel gioco della luna e quelle stelle dietro…
Non so cosa sia, quel dirmi tra me, nel sentire
la mia voce, quell’aria d’anni trascorsi
che attraversano il mondo e il sentimento…
Ma c’è qualcosa che tocca nella vita
e fa memoria ai richiami del vento.

Franco Loi

da “Isman”, Einaudi, Torino, 2002

***

Mí g’û scundü quajcoss che mí me tucca
quan’ fiadi l’aria, mí ghe parli, e lé
la passa cume semper passa l’aria
nel giögh de lüna e quj stèll dedré…
Sú no sé sia, quèl dím tra mí, nel sent
la vûs de mí, quèl’aria d’ann indré
che te traversa el mund e ‘l sentiment…
Ma gh’è ‘n quajcoss che tucca ne la vita
e fa memoria ai reciàm del vent.