Ascoltando Smetana – Angelo Maria Ripellino

Foto di Josef Sudek

 

Quando su Praga piove il giallo e l’oro
dell’autunno decrepito e il fogliame
risplende come un mare di lucerne,
quando una fredda luce bagna i tronchi
dei castagni che annusano la nebbia,
gelide lame di malinconia
mi trafiggono il cuore e tremo e piango.

Una solenne musica straziante
scorre come un corteo d’urne e di spade,
ma dopo frecce e raggere di lampi
cadenti come le scaglie d’un drago,
come un balsamo d’erbe la musica
s’addolcisce nel fioco gocciolìo
del fiume sul cristallo della luna.

Angelo Maria Ripellino

da “Angelo Maria Ripellino, Poesie prime e ultime”, a cura di Federico Lenzi e Antonio Pane, Torino, Aragno, 2006

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.