«Scriverò su carta di riso» – Laura Chiarina

Foto di Chema Madoz

 

Scriverò su carta di riso
e vi chiederò di guardarla
                                                  contro la luna
                      – vedrete l’anima dei chicchi
       sentirete il mormorio della palude –

vi chiederò di formare con il foglio
una gabbietta
                         – immaginare il pappagallo
                                             dalle piume verdi
                       farfugliare le mie metafore –
e infilare delicatamente la mano
                                                   per acciuffarlo
        (come fosse il Senso).

Vi scongiurerò di lasciare
il cancelletto aperto
                                  – in modo che la poesia
                                                possa volar via –

la guarderete dileguarsi
augurandovi che ritorni:
                      sarà un profumo o un lampo
                                  un fiore o uno sguardo
          oppure il brivido  per la lucertola 
che vi sfiorerà e sfreccerà via.

Laura Chiarina

All rights reserved – 2017©

«Chiedi al poeta» – Laura Chiarina

Dipinto di Marc Chagall

 

Chiedi al poeta
della sua tristezza
l’adornerà di cieli gonfi
e salici chini sulle nubi
di aurore stese sui tetti
di lenzuola aulenti

parlerà di vie assolate
di volti sorridenti
di una rosa smarrita
che arresta
il rotolare di un sasso

di un cagnolino
che fiuta il vento
                        (che arruffa i voli
                        e sbianca le onde).

Parlerà del sole
che affoga così lento
affinché l’azzurro
possa intiepidire
il trasparente ventre
della luna.

Chiedigli di Dio:
ti poserà sul palmo
una goccia
e tu vedrai gli oceani.

Ti convincerà che il cielo
confina con i sogni
       – e oltre – l’abisso sarà
greve di nuove stelle.

Ti parlerà dell’Infinito
che è in un seme
e nel tuo sguardo
mentre scioglie la giostra
dei suoi smarrimenti.

Chiedi ciò che vuoi al poeta
ti darà semplicemente
la meraviglia del suo nulla.

Laura Chiarina

All rights reserved – 2020©