Fraternità – Ghiannis Ritsos

Ghiannis Ritsos

Ad Aragon

I poeti si riconoscono facilmente tra loro – non
dalle grandi parole che abbagliano il pubblico, non
dai gesti retorici, solo da certe cose
affatto banali e di dimensioni segrete, come Ifigenia
riconobbe subito Oreste appena le disse:
“Non eri tu che ricamavi in cortile, sotto il pioppo,
con bei colori su una tela bianca di bucato
il mutamento di orbita del sole?”. Ma soprattutto:
“In un angolo della tua stanza non era conservata
l’antica lancia di Pèlope?”. Allora lei
si chinò di colpo sulla sua spalla, chiudendo gli occhi
a una luce profonda, dolce, come se l’altare insanguinato
fosse completamente coperto da quella tela
bianca che lei stessa ricamava
sotto il pioppo, durante i caldi meriggi, in patria.

Ghiannis Ritsos

30 maggio 1969

da “Pietre Ripetizioni Sbarre”, Crocetti Editore, 2020

Titolo dell’opera originale: Πέτρες Eπαναλήψεις Kιγχλίδωμα

2 commenti su “Fraternità – Ghiannis Ritsos

  1. marcello comitini ha detto:

    Ma chi sa riconoscere i poeti dalle dimensioni segrete ? Tutti per la retorica e le parole che abbagliano!

    "Mi piace"

    • alessiagenesis ha detto:

      Quei poeti,invero, non vogliono che esser trovati dai pochi.Sono i poeti dalla lettera minuscola,ambiscono a farsi trovare da animi semplici nella purezza,intesa come coerenza di pensiero e agire.I poeti da cercare nelle Cose nascoste”o “Segreti”,come invitava ed indicava di fare,neppure in maniera subliminale,ovvero in versi particolarmente complessi,un’altro greco/alessandrino antecedente,che regalava copie brevi manu ad un centinaio di persone scelte.
      E,a pensarci,giá piacere ad un centinaio di persone,è sufficiente,perché forse è il numero massimo(ma io credo sia giá troppo)che possa davvero cogliere l essenza,capire un uomo perso in un silenzio rotto in tanti pezzi di vetro,schegge/riflessi/tessere, di uno specchio ormai scuro,oscuro,muto.
      A pochi,forse,ambisce un poeta ed è un bene che siano davvero pochi in concreto,perché nel “sapere”,la sera si rabbuia lenta,insostenibile peso nel cuore è la leggerezza dell essere che non coincide con il vivere.

      E si finisce per dire sciocchezze,come me adesso, incomprensibile io,ormai,anche a me stessa.

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.