Sera – Emanuel Carnevali

Félix Vallotton, Sunset, 1918

 

Tenero e di nuovo giovane, femminile, il cielo della sera estiva arrossisce.
Tondo, lungo e soffice come un braccio avvolto, il cielo della sera sulla povera                                                                                                                          [città che riposa.
Spazi di freddo blu meditano −

porteranno tutta la nostra tristezza, oh spazi di freddo blu.
Oh città, in te visse una volta, oh Manhattan, l’uomo Walt Whitman.
Le nostre mani sono già inutili, forse; ma basteranno per assistere la bellezza,
basteranno a una grande tristezza,
sera estiva, sera estiva che s’addormenta
sul letto purpureo, sopra i teneri fiori del tramonto.
Molte altre sere ho nel cuore − ho amato così tanto, tanto a lungo e così bene                                                                            [− non ricordate assorti spazi di freddo blu?
Vi penserò ancora,
vi penserò ancora se la follia mi siederà accanto passandomi le mani nei capelli.
Un tempo sfioravo religiosamente le cose, un tempo una ragazza mi amò, un                                                      [tempo passeggiavo a lungo con i giovani sulle Palisades,
una volta piansi e ne valeva la pena.

Emanuel Carnevali

(Settembre 1919)

(Traduzione di Elio Grasso)

da “Ai poeti e altre poesie”, Via del Vento Edizioni, 2012

∗∗∗

Sera

Tenero e nuovamente giovane, femminile, il cielo della sera estiva arrossisce.
Rotondo, lungo e morbido come un braccio coperto da un drappo il cielo della                                                                       [sera è sospeso sulla povera città che riposa.
Spazi di freddo azzurro meditano –
porteranno tutta la nostra tristezza, o spazi di freddo azzurro.
O città, in te visse una volta, o Manhattan, un uomo  WALT WHITMAN.
Le nostre mani sono già sciupate, forse; ma basteranno per collaborare alla                                                                                                                                          [Bellezza,
basteranno per una grande tristezza,
sera d’estate, sera d’estate che si addormenta sopra il letto purpureo, sopra i                                                                                                           [fiori leggeri del tramonto.
Molte altre sere ho nel cuore – io ho amato così tanto, così a lungo e così bene –                                                     [non ricordate spazi di freddo azzurro meditabondi?
Io vi ricorderò,
vi ricorderò se la follia verrà a sedersi accanto a me e mi passerà le mani nei                                                                                                                                              [capelli.
Una volta toccavo le cose religiosamente, una volta una ragazza mi amò, una                                          [volta facevo lunghe passeggiate con i giovani sui Palisades,
una volta piansi e ne valeva la pena.

Emanuel Carnevali

(Traduzione di Maria Pia Carnevali)

da “Il primo dio. Poesie scelte. Racconti e scritti critici”, Adelphi, 1978

∗∗∗

Evening

Tender and young again, feminine, sky of the evening of summer is blushing.
Round, long and soft like a draped arm, sky of the evening over the poor city                                                                                                                                                [resting.
Spaces of cool blue are musing −
They will hold all our sadness, O spaces of cool blue.
O city, there lived in you once, O Manhattan, a man WALT WHITMAN.
Our hands are wasted already, perhaps; but enough for contribution to Beauty,
Enough for a great sadness, will be,
Evening of summer, evening of summer going to sleep
Over the purple bed, over the light flowers of the sunset.
Many other evenings have I in my hear − I have loved so much, so long and so                                                           [well − don’t you remember cool blue spaces brooding?
I shall recall you,
I shall recall you if insanity comes and sits down and puts her hands in my hair.
Once I touched things with religion, once a girl loved me, once I used to go                                                                                  [hiking with young folks over the Palisades,
Once I cried worthily.

Emanuel Carnevali

da “A Hurried Man”, Paris: Contact Editions/Three Mountains Press, 1925

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.