Il giardino botanico – Jorge Luis Borges

Ferdinando Scianna, Jorge Luis Borges, Palermo, Sicilia, 1984

 

Remotissimi da noi,
anche se ne tocchiamo i tronchi,
gli alberi che balbettano appena resistenza
sciolgono verso l’ignoto
il loro sfolgorio di foglie cieche
che in pietosa finzione si abbracciano in alto
come piegate dalla curva celeste.
In estrema solitudine
ogni albero è penosamente smarrito
e le loro vite sono isolate e scontrose
come specchi che riflettono camere distinte
o come il sognare di molti dormienti
sotto un unico tetto.
Noi pure, intanto,
ai confini della loro rudimentale esistenza,
oscuramente ci cerchiamo
con questa carne lacera e ineguale:
grossolano segreto risaputo
che con triste sconforto ci travolge
e ci scava il petto
con la potente forza di una pena.
Angoscia
che è solo un’eco confusa
del desiderio e del doloroso entusiasmo
che Dio sentì prima della genesi
e che non ha trovato appagamento
nell’infinita profusione di stelle, anime, voci e tramonti
che il tempo garrulo proclama
e lo spazio abbraccia in scienza universale.
(Uscendo ho visto in un tumulto di ragazze
una bambina così graziosa
che il mio sguardo ha subito cercato
l’ipotetica sorella maggiore
che accorciando le prolissità del tempo
già possedesse in pacata e bruna avvenenza
l’abbondante bellezza
che balbettava la più piccola).

Jorge Luis Borges

(Traduzione di Tommaso Scarano)

da “Fervore di Buenos Aires”, Adelphi, Milano, 2010

∗∗∗

El jardín botánico

Muy lejos de nosotros,
aunque nuestras manos toquen los troncos
los árboles que balbucean apenas el ser
sueltan en pos de lo desconocido
su lumbre de hojas ciegas
que en piadosa ficción arriba se abrazan
como dobladas por la curva celeste.
En supremo aislamiento
cada árbol está conmovedoramente perdido
y sus vidas son incomunicadas y hurañas
como espejos que ahondan habitaciones distintas
o como el soñar de muchos durmientes
que reúne idéntico techo.
Nosotros, mientras tanto,
al margen de su rudimental existencia,
también oscuramente nos buscamos
con nuestra carne desgarrada e impar:
burdo secreto a voces
que con triste congoja nos arrastra
y nos socava el pecho
con la grave eficacia de una pena.
Angustia,
que sólo es un eco borroso
del anhelo y del doloroso entusiasmo
que sintió Dios antes del génesis,
y que no ha hallado hartazgo
en la infinita profusión de estrellas, almas, voces y ocasos
que grita el tiempo gárrulo
y abarca en ciencia universal el espacio.
(Al salir vi en un alboroto de niñas
una chicuela tan linda
que mis miradas en seguida buscaron
la conjetural hermana mayor
que abreviando las prolijidades del tiempo
lograse en hermosura quieta y morena
la belleza colmada
que balbuceaba la primera).

Jorge Luis Borges

da “Fervor de Buenos Aires”, Imprenta Serrantes, Buenos Aires, 1923

Un commento su “Il giardino botanico – Jorge Luis Borges

  1. alessiagenesis ha detto:

    Versi complessi eppure chiari che persino ci inducono ed incoraggiano a un commento,dal basso.Un commento che è vano pronunciare,e per questo chiedo scusa due volte al poeta,per essermi presa la licenza di commentare e poi per essermi presa quella di non scrivere quello stesso commento.
    Lascio solo una sciocchezze,ma nel piu grande rispetto che provo per i maestri,per gli uomini.

    -Il tempo,come un garrulo poeta neomelodico, adatto a un’ auditel massmediatica,da amori precotti.
    Quel “doloroso entusiasmo “è l ossimoro che contiene il dramma, l’infinità del desiderio,inappagabile,l angoscia che genera.
    Eppure che c’è altro da dire,da sottolineare,di vivo anelito .
    Lo lascio morire nello scarto interiore .

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.