La stanza – Antonio Prete

Bill Brandt, Nude, Campden Hill, London, 1947

 

Un po’ spoglia, la magnolia fa trame
nel pallore del cielo. Di là da essa
il bruno scollinare delle crete
verso torri annebbiate, verso il nero
dei castagni.
                   Nella stanza, sfuggite
alla rapina dell’oblio, salgono
parvenze. Un esercizio amaro è dare
un nome a quello che è perduto. Un viso
sta nell’ombra, da un angolo mi guarda
con un sorriso che è d’enigma o forse
di dolcezza, e con voce fioca, «anch’io»,
dice, «sono una chimera, o una piuma
che svola inconsistente nel mai piú».

Dal tempo qui raccolto nell’angustia
dell’accaduto, dal tempo disperso
nei miraggi, mi distraggo guardando
tra il folto dei cipressi il lampo rosa
delle case sul poggio di Fogliano,
e sento, nella luce di dicembre,
che l’assenza del mare è opaco assillo,
privazione che orchestra questa danza
d’ombre. È l’assenza di una bianca riva
il principio che intorbida il già stato.

Antonio Prete

da “Tutto è sempre ora”, Einaudi, Torino, 2019

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.