Per sfiducia nei meriti – Marianne Moore

 

Fortificati a vivere, fortificati a morire
  soltanto per medaglie e per vittorie di posizione?
Combattono, combattono, combattono
  il cieco che è convinto di vedere –
e non vede che chi fa schiavi
è schiavo, chi odia è offeso. O ferma stella
              e splendida, o tumultuoso oceano
                             flagellato finché le cose minime
              si sperdono e l’onda gigantesca
                            rivela ai nostri sguardi la misura 

dell’abisso. Perduti in mare prima di combattere!
   O stella di David, stella di Betlemme,
o nero leone imperiale
   del Signore – emblema
di un mondo risorto – unitevi, unitevi
alla fine. C’è una corona d’odio, e sotto ad essa
               tutto è morte; ce n’è una d’amore, e senza di essa
                              nessuno è re; e gli atti benedetti
                benedicono l’aureola. Come un contagio
                               di malattia procura malattia, 

un contagio di fede può dar fede.
   Combattono in deserti e caverne,
a uno a uno, a battaglioni e squadre;
   combattono perché possa guarire
anch’io da questo male, da Me Stessa;
ne guariscono alcuni; altri morranno. “L’uomo
                è lupo all’uomo”, e noi ci divoriamo.
                               Neanche il nemico avrebbe mai potuto
                aprire una breccia così vasta
                                 nelle nostre difese.

Chi fa da guida a un cieco può sfuggirgli,
   ma Giobbe, disanimato da falso conforto,
sapeva che mai nulla può sconvolgere
  quanto un cieco capace di vedere.
O vivi che siete morti, voi che siete fieri
di non vedere, o polvere meschina della terra
               che incede così piena d’arroganza,
                            la fiducia genera potenza e la fede
               è una cosa amorevole. Noi
                               facciamo un voto, noi promettiamo
a chi combatte – sì, è una promessa – : “Non odieremo
   mai il nero, il bianco, il rosso, il giallo,
l’ebreo, il gentile, l’intoccabile”. Ma noi
   non possiamo esaudire i nostri voti.
Stringendo la mascella essi combattono,
combattono, combattono – alcuni che amiamo
                                                                         e conosciamo,
                 altri che amiamo ma non conosciamo –
                               perché i cuori si scuotano dal sonno.
                Così guarisco; o forse sono quello
                             in cui non posso credere?

Chi nella neve, chi sulle rupi o nelle sabbie mobili,
a poco a poco, a molto a molto,
combattono, combattono, combattono
   perché dov’era morte
sia la vita. “Quando un uomo è preda della collera,
è aizzato dalle cose esterne; ma quando
               tiene testa ed è paziente paziente
                               paziente, allora è l’azione
                o la bellezza”, la migliore difesa del soldato,
                               la più salda corazza

per la lotta. Il mondo è una casa di orfani. E noi
  non avremo mai pace senza pena?
Senza le invocazioni dei morenti
  in cerca di un aiuto che non viene?
O forma abbandonata nella polvere,
io non posso guardare, eppure devo.
              Se questo morire così grande e paziente –
                            tutte queste agonie e ferite e scorrere
                                                                              di sangue –
               potrà insegnarci a vivere,
                              questo morire non è stato invano.

Cuore indurito dall’odio, o cuore di ferro,
  il ferro è ferro finché si fa ruggine.
Non c’è mai stata guerra che non fosse
  dentro di noi; e io devo combattere
finché non avrò vinto entro me stessa
ciò che è causa di guerra e non credevo.
               Dentro di me io non ho fatto nulla.
                             Delitto degno dell’Iscariota!
               La bellezza ha per sé l’eternità
                             e la polvere dura solo un’ora.

Marianne Moore

(Traduzione di Lina Angioletti e Gilberto Forti)

dalla rivista “Poesia”, Anno XVIII, Dicembre 2005, N. 200, Crocetti Editore

∗∗∗

In Distrust of Merits

Strengthened to live, strengthened to die for
       medals and position victories?
They’re fighting, fighting, fighting the blind
       man who thinks he sees,—
who cannot see that the enslaver is
enslaved; the hater, harmed. O shining O
              firm star, O tumultuous
                     ocean lashed till small things go
              as they will, the mountainous
                     wave makes us who look, know
depth. Lost at sea before they fought! O
       star of David, star of Bethlehem,
O black imperial lion
       of the Lord—emblem
of a risen world—be joined at last, be
joined. There is hate’s crown beneath which all is
              death; there’s love’s without which none
                     is king; the blessed deeds bless
              the halo. As contagion
                     of sickness makes sickness,
contagion of trust can make trust. They’re
       fighting in deserts and caves, one by
one, in battalions and squadrons;
       they’re fighting that I
may yet recover from the disease, My
Self; some have it lightly, some will die. “Man’s
              wolf to man” and we devour
                     ourselves. The enemy could not
              have made a greater breach in our
                     defenses. One pilot-
ing a blind man can escape him, but
       Job disheartened by false comfort knew
that nothing can be so defeating
       as a blind man who
can see. O alive who are dead, who are
proud not to see, O small dust of the earth
              that walks so arrogantly,
                     trust begets power and faith is
              an affectionate thing. We
                     vow, we make this promise
to the fighting—it’s a promise—“We’ll
       never hate black, white, red, yellow, Jew,
Gentile, Untouchable.” We are
       not competent to
make our vows. With set jaw they are fighting,
fighting, fighting,—some we love whom we know,
              some we love but know not—that
                     hearts may feel and not be numb.
              It cures me; or am I what
                     I can’t believe in? Some
in snow, some on crags, some in quicksands,
       little by little, much by much, they
are fighting fighting fighting that where
       there was death there may
be life. “When a man is prey to anger,
he is moved by outside things; when he holds
              his ground in patience patience
                     patience, that is action or
              beauty,” the soldier’s defense
                     and hardest armor for
the fight. The world’s an orphans’ home. Shall
       we never have peace without sorrow?
without pleas of the dying for
       help that won’t come? O
quiet form upon the dust, I cannot
look and yet I must. If these great patient
              dyings—all these agonies
                     and woundbearings and bloodshed—
              can teach us how to live, these
                     dyings were not wasted.
Hate-hardened heart, O heart of iron,
       iron is iron till it is rust.
There never was a war that was
       not inward; I must
fight till I have conquered in myself what
causes war, but I would not believe it.
              I inwardly did nothing.
                     O Iscariotlike crime!
              Beauty is everlasting
                     and dust is for a time.

Marianne Moore

da “Nevertheless”, New York: Macmillan, 1944

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...