Siamo esseri antichi – Carlo Villa

Amani Willett, From Street Work

 

Oh certo s’intende, capirai,
figurarsi se non amo
l’Italia, questa piccola lingua

di carta collinosa, ignorante e con tane
abitate, un paese di servi perbene,
ma ricordarsi di chiudere gli occhi

sulle amministrazioni cosí affrante
e basta non lo sappiano all’estero
dato che ognuno, è naturale, non lavora

bene e schietto nel tratto che ha scelto
pretendendo d’averci giustizia,
giacché questo sarebbe sufficiente:

la propria vita impiegarla seriamente
senza star tanto a sentire
gli inamovibili al governo

sfiniti dalle cure riabilitanti e depositari
oramai per concessione divina
dei pubblici interessi,

con noi tutti quanti, d’accordo o
per pigrizia, ancora a farli venire-andare.
Pure non voglio rimettermi passivo

alla consapevolezza che pare
non ci sia piú niente da fare
per via del demone atomico, insomma

siamo esseri antichi
e se non c’è piú riguardo
per i nostri fantastici trascorsi,

perlomeno il piacere di possedere gambe
e germogli di labbra, ci spinga
a proseguire ogni mattina nonostante

la sparuta giornata precedente,
al cospetto della vita ancora possibile,
senza programmi, scoppiando

in un certo modo di salute,
perché solo cosí ci andrà bene:
gli occhi nelle vetrine ricolme

e la febbre nell’immaginazione
che tutto è per l’uomo,
questa di vivere unica realtà,

liberi e con idee nella testa
che scottino, tamponi dischiusi
di sassofono e bicchieri

con dentro il sorriso. Non c’è
buio peggiore dell’uomo che inganna
i propri organi, tiroide, cardiovascoli

e, della vita a prenderne dosi
liberamente, la morte è serena
anche se resta importante.

Oppure fra poco perire
umiliati perfino dal mezzo
e le specie si estingueranno

e chi ne saprà piú qualcosa
per esempio della rosa,
il tipo di seme; insomma

bisogna finirla con l’angoscia,
altrimenti la previdenza sociale
e i testi gratuiti alle elementari

son giochi di parole, truffe, falsità,
titoli fittizi di merito
per un inesistente aldilà.

Carlo Villa

da “Siamo esseri antichi”, Einaudi, Torino, 1964

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.